GOCCIA

Il progetto
La bottiglia
Gli erogatori d’acqua e dove trovarli
La qualità dell’acqua: analisi chimiche e microbiologiche
I risultati raggiunti: riduzione di plastica e CO2
Rassegna stampa

Il progetto GOCCIA – Goal One Cambiamento Climatico In Ateneo

Dall’idea di un Project work di due partecipanti al Master MARIS – Rendicontazione Innovazione Sostenibilità, che riprende una best practice già adottata da alcuni atenei italiani, anche la nostra Università ha scelto di promuovere il consumo di acqua potabile e l’uso bottiglie riutilizzabili per limitare la produzione e il consumo di bottiglie in PET.

La sperimentazione è iniziata nel febbraio 2019, in occasione dell’evento “Caccia al kWh” 2019, l’evento della Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, collegato a M’Illumino di Meno di Radio2. Poco prima dell’evento sono stati installati 10 erogatori di acqua purificata (2 in ogni Macroarea e Facoltà dell’Ateneo) per riempire gratuitamente le borracce riutilizzabili, così da offrire agli studenti e al personale universitario acqua potabile di elevata qualità. Durante l’evento inoltre è stata distribuita a tutti i partecipanti una bottiglia in acciaio inossidabile targata Tor Vergata.

Dopo la fase sperimentale, e il grande successo ottenuto, l’Ateneo ha deciso di promuovere ulteriormente l’uso di borracce riutilizzabili, attivando un servizio di vendita ad un prezzo accessibile, e di incrementare il numero di erogatori di acqua nelle diverse Facoltà e Macroaree.

Questa azione concreta contribuisce a ridurre sensibilmente la carbon footprint dell’Ateneo. Ogni singola bottiglia da 500 ml riempita di acqua contribuirà, infatti, a ridurre le emissioni di anidride carbonica in atmosfera di circa 0,08 kgCO2eq*; potenzialmente, quindi, il nostro Ateneo potrebbe ridurre sensibilmente le proprie emissioni annue di CO2.

Il progetto è stato ideato dal Dott. Vincenzo Ludovici Pietropaoli (Dipartimento di Giurisprudenza), l’Ing. Marco Uttaro (Ufficio Tecnico e Ufficio per lo Sviluppo Sostenibile  di Ateneo), la Prof.ssa Fabiana Arduini (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche) e la Prof.ssa Gloria Fiorani (Direttrice del Master MARIS). 


La bottiglia

-0,08 è la quantità di CO2 che puoi evitare di rilasciare nell’atmosfera ogni volta che riutilizzi la tua 24Bottles, invece di acquistare una bottiglia d’acqua in plastica usa e getta

GOCCIA è una bottiglia in acciaio inossidabile, pratica e leggera, completamente “carbon neutral, cioè realizzata compensando, con progetti certificati di riforestazione, le emissioni di anidride carbonica emesse durante le diverse fasi di produzione. E’ prodotta da Design24® una società Benefit italiana.

La versione con il logo dell’Università è disponibile, con un contributo di 10 euro, presso il Rettorato, in Via Cracovia n. 50 – Edificio A, Livello 1, il martedì e il giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00. (SCORTE AL MOMENTO ESAURITE)


Gli erogatori d’acqua

Gli erogatori permettono a studenti, docenti e personale tecnico, amministrativo e bibliotecario di rifornirsi gratuitamente di acqua potabile purificata, refrigerata, naturale o frizzante, e controllata.

Nel febbraio 2019 sono stati installati i primi 10 erogatori di acqua, collegati alla rete idrica di Ateneo. Ad ottobre 2019 ne sono stati aggiunti 15, scegliendo un modello che offre maggiore altezza di erogazione, che permette di ricaricare anche contenitori da 1 lt. Dispongono inoltre di due differenti erogatori, entrambi dotati di lampada UV germicida, che consentono di riempire due bottiglie contemporaneamente. In questo modo è possibile diminuire i tempi di attesa.

Gli erogatori sono presenti in ognuna delle Facoltà e Macroaree di Ateneo
(clicca sul nome per vedere la localizzazione):



La qualità dell’acqua: analisi chimiche e microbiologiche

Periodicamente l’acqua erogata viene sottoposta alle analisi del LabCAP – Laboratorio di Certificazione di Analisi e Processi del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche, nonché del laboratorio dell’Orto Botanico – Dipartimento di Biologia per gli aspetti microbiologici.

Si riportano di seguito i risultati delle analisi chimiche e microbiologiche eseguite su campioni di acqua prelevati a monte e a valle degli erogatori installati nell’ambito del progetto, aggiornati a settembre 2019.

CONCENTRAZIONE DI CLORO LIBERO: è la misura necessaria a garantire un’adeguata disinfezione e al contempo le idonee condizioni igienico-sanitarie. Il metodo ufficiale per la determinazione del cloro libero è il metodo spettrofotometrico, basato sulla reazione tra il cloro in soluzione e la N,N-dietil-p-fenilendiammina (DPD) che produce un composto di colore rosso la cui assorbanza, direttamente proporzionale alla concentrazione di analita, è determinata alla lunghezza d’onda di 510 nm.

DUREZZA DELL’ACQUA: esprime il quantitativo di idrogenocarbonati (o bicarbonati) presenti nell’acqua.

Risultati delle analisi chimiche effettuate nel mese di settembre 2019

ANALISI MICROBIOLOGICHE: Le analisi sono state condotte utilizzando il metodo di filtrazione su membrana. Un’aliquota del campione pari a 100 ml, prelevata sia in ingresso che in uscita dagli impianti di distribuzione dell’acqua, è stata filtrata attraverso una membrana di esteri di cellulosa di 0,45 µm di porosità nominale. Successivamente le piastre sono state incubate a diversi tempi e temperature di incubazione. Tutte le analisi sono state effettuate in duplicato. I risultati sono stati espressi come numero di Unità Formanti Colonie per 100 ml di campione filtrato (UFC/100ml).

Risultati delle analisi microbiologiche effettuate nel mese di settembre 2019

Si ringraziano la Prof.ssa Fabiana Arduini e il team del LabCap del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche per i campionamenti e le analisi chimiche e il Dott. Roberto Braglia e il team dell’Orto Botanico del Dipartimento di Biologia per per i campionamenti e le analisi microbiologiche.


I risultati raggiunti

Il progetto GOCCIA è nato per promuovere l’uso di contenitori per bevande riutilizzabili e limitare così la produzione di bottiglie di plastica monouso e dei rifiuti da esse derivanti. Per monitorare i risultati raggiunti, ogni erogatore è dotato di misuratore della quantità erogata. Dal 28 febbraio 2019, data di avvio del progetto, al 30 gennaio 2020, data dell’ultima rilevazione, sono stati erogati 509.754 litri di acqua. Scegliendo invece l’acqua in bottiglia sarebbero state prodotte, acquistate e gettate ben 1.019.508 bottigliette in plastica da 0,5 lt, pari a 13.254 kg di PET.

Risultati ottenuti, aggiornati al 30 gennaio 2020
Data avvio progetto 28/02/2019
Data aggiornamento 30/01/2020
Erogatori installati 25
Litri di acqua erogati 509.754
kg di emissioni di CO2 evitate 85.588
N. bottiglie (0,5 lt) evitate 1.019.508
kg di rifiuti in PET non prodotti 13.254

Rassegna stampa web

23/03/2019 NewTuscia “Dall’Università di Tor Vergata nasce “Goccia” Goal One
23/03/2019 Trapaniok.it “Dall’Università di Tor Vergata nasce ‘Goccia’ Goal One per il Cambiamento Climatico In Ateneo
24/03/2019 DazebaoNews “Dall’Università di Tor Vergata nasce “Goccia” Goal One per il Cambiamento Climatico In Ateneo
25/03/2019 Ugualmente Abile News “Dall’Università di Tor Vergata nasce “Goccia” Goal One per il Cambiamento Climatico In Ateneo
28/03/2019 Farecultura Roma: dall’Università di Tor Vergata nasce “Goccia” Goal One, per il Cambiamento Climatico in Ateneo
09/05/2019 AlternativaSostenibile “All’Università Tor Vergata l’acqua è pura e gratuita
09/05/2019 Italpress “PROGETTO GOCCIA, A TOR VERGATA L’ACQUA È PURA E GRATUITA
21/05/2019 GSA IGIENE URBANA “A “Tor Vergata” acqua pura e gratuita
29/05/2019 la Repubblica “Borracce alle matricole, differenziata in dipartimento e corsi sostenibili: le università abbracciano l’ambiente

*Fonte: Studio sulle emissioni di gas serra effettuato da 24Bottles®, produttore delle bottiglie in acciaio inossidabile, in collaborazione con Rete Clima.